by

Una soluzione per migliorare l’autismo | Neurofeedback Mente Autism

Opinioni e recensioni dei genitori di un bambino autistico che ha utilizzato il sistema Neurofeedback Mente Autism. Testimonianza sorprendente!

La tecnologia Neurofeedback funziona?

L’autismo è un dilemma che purtroppo è molto diffusa tra i bambini. Per fortuna la ricerca negli ultimi anni ha fatto enormi passi in avanti per migliorare, per quanto possibile, la vita a questi giovani. Il neurofeedback è riconosciuto dalla comunità scientifica come terapia non invasiva indolore ed efficace.

È utilizzato in Svizzera, negli Stati Uniti e in Canada da oltre 10 anni con grandi risultati. Studi hanno dimostrato che il neurofeedback è efficace nella cura di molti disturbi, in bambini, adolescenti, adulti e anziani. Inoltre viene usato per migliorare la creatività e le performance (sia professionali che personali). Il neurofeedback è una tecnica ampiamente sicura da un punto di vista scientifico.

La terapia biofeedback, si caratterizza per essere un metodo non aggressivo, privo di effetti collaterali. Dal 1970, fino ad ora, il neurofeedback è stato migliorato e testato su soggetti con disturbi dell’apprendimento.

Risulta molto efficace nel trattamento di molte patologie, quali disturbi dell’apprendimento, l’ansia, la depressione, il disturbo del sonno, i e l’autismo. Il neurofeedback è stato inoltre utilizzato per l’aumento di varie prestazioni, ad esempio nel contesto musicale, per il miglioramento cognitivo negli studenti e per aumentare la memoria.

ll neurofeedback si pone come tecnica diversa dalla terapia con farmaci , una tecnica  non invasiva che ultimamente si è rivelata molto efficace nel trattamento di vari disturbi. Attraverso il primo esame vengono create terapie personalizzate per lavorare in modo diverso su ogni singola persona.

Alcuni trattamenti lavorano su singole onde cerebrali alfa, teta, beta, e gamma (potenziandole o riducendone la grandezza). Altri sull equilibrio di queste onde interagendo con i rapporti tra Teta e Beta o Teta e Alfa. Grazie al Neurofeedback si può lavorare sulla coesistenza tra le diverse aree del cervello al fine di promuoverne una migliore e più efficiente unione. Il Neurofeedback risulta molto efficace nel trattamento di stati di ansia, stress, frustazione, irritabilità e rabbia che spesso si accompagnano ai disturbi dell’apprendimento. Basato su una forma di assimilazione, i suoi benefici risultano essere più duraturi nel tempo.

Una soluzione concreta per aiutare e migliorare l’autismo dei bambini

Lo scopo di Mente Autism (sistema neurofeedback https://www.menteautism.it) è quello di migliorare la vita delle persone, proprio come ha avuto grandi cambiamenti la vita di Isaac nella testimonianza riportata qui sotto. Isaac già dopo un mese e mezzo parlava di più ed era incline ad impegnarsi con gli altri.

Infatti i benefici osservati dai genitori con l’utilizzo di Mente Autism includono abilità di comunicazione migliorate, tempi di attenzione e apprendimento più lunghi e migliore creatività.

(H3) Testimonianza sulla terapia neurofeedback Mente Autism

“Ho iniziato a far usare Mente al mio figlio autistico di 9 anni due anni fa.

Nel primo mese, abbiamo osservato miglioramenti molto graduali nel suo comportamento.

Dopo un mese e mezzo, mio figlio ha parlato di più ed è più incline ad impegnarsi con gli altri – e pure con me.

Onestamente, è stato un soffio d’aria fresca ascoltare mio figlio parlare e diventare molto più espressivo e sempre più raggiungibile.

Essenzialmente, stiamo vivendo con una nuova persona.

Dopo 3 mesi, mio marito e io volevamo verificare se i cambiamenti che abbiamo visto sono stati direttamente attribuiti alla terapia Mente o da altri fattori non riconducibili alla fascia Mente – per cui abbiamo scelto di interrompere l’utilizzo di Mente per un breve periodo di tempo e osservare come nostro figlio avrebbe reagito.

Quasi subito mio figlio è regredito e dopo un mese di arresto di Mente, siamo tornati a tutto cuore per fare di nuovo le sessioni quotidiane di terapia – e non ci siamo fermati da allora “.

 

Jacqueline Cachia, madre di Isaac – ragazzo di 9 anni / Malta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *