by

Rimedi per sciogliere il fastidioso catarro

Il catarro prima o poi tormenta tutti: la sua consistenza ed il suo sapore sono terribili, ma soprattutto rendono la respirazione e la deglutizione delle imprese titaniche. Se vuoi sapere come sciogliere il catarro in maniera efficace, allora devi assolutamente seguire questo articolo!

Il catarro è, in gergo scientifico, la secrezione delle ghiandole delle mucose delle vie respiratorie. In una persona in salute, la produzione è contenuta e regolare, per mantenere le mucose idratate ed intrappolare i microrganismi; tuttavia, quando si verificano irritazioni o infiammazioni, la quantità di catarro si presenta in eccesso, bloccando così le vie respiratorie.

Il termine catarro non è sinonimo di muco, perché sono due secrezioni diverse: il primo è una degenerazione del secondo. Inoltre, se il catarro si presenta come liquido e biancastro, si ha davanti un fumatore; se invece è denso e giallo-verdastro, deriva da infezioni batteriche. Quello rossastro indica sangue nei bronchi.

Il catarro è spesso accompagnato da: tosse (grassa o secca), gocciolamento nasale, malessere, mal di testa, problemi alle orecchie, dolori articolari, nausea, febbre, pesantezza al torace e respirazione affannosa. Nella maggior parte dei casi, il tutto è relativo a raffreddore ed influenza, ma occorre sempre indagare a fondo.

A volte la causa possono essere anche la pertosse (infiammazione delle mucose che colpisce spesso i bambini), la polmonite (altra infezione grave degli alveoli polmonari), e infine l’otite, la formazione di catarro nelle orecchie. Per quanto riguarda le cure, dipendono sempre dalla causa d’origine.

In sostanza, se si tratta di infezione virale occorre assumere molti liquidi e prodotti fluidificanti e se si tratta di infezione batterica bisogna riposarsi, idratare le mucose e prendere l’antibiotico per combattere il batterio responsabile dell’eccesso di catarro.

Tra i rimedi naturali efficaci (sempre e solo in caso di problemi lievi o in contemporanea con l’assunzione di farmaci) vi sono i suffumigi (erbe disciolte in acqua bollente i cui fumenti liberano le vie aeree), gli infusi (per sciogliere il catarro) e le creme espettoranti (al timo o all’eucalipto, da applicare sul petto ogni sera prima di dormire).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *