by

Grelina: tutto ciò che c’è da sapere sul cosiddetto ”ormone della fame”

La grelina, l’ormone che regola la fame segnala al cervello di mangiare. I suoi livelli aumentano durante una dieta ipocalorica ed aumentano la fame, il che rende difficile la perdita di peso per chi si impegna con una dieta. Leggi tutto l’articolo per conoscere meglio l’argomento.

 

La grelina è un ormone prodotto nell’intestino. È spesso chiamato l’ormone della fame, e talvolta lenomorelina. Viaggia tramite il flusso sanguigno e il cervello e trasmette a quest’ultimo la sensazione di essere affamati e cercare il cibo. La funzione principale è quella di aumentare l’appetito. Il suo ruolo è far consumare più cibo, prendere più calorie e immagazzinare il grasso.

Essa colpisce il ciclo sonno/veglia, la sensazione del gusto e il metabolismo dei carboidrati. Di solito, i livelli di grelina aumentano prima di un pasto, quando lo stomaco è vuoto, e diminuiscono poco dopo, quando lo stomaco è pieno. Alcune ricerche mostrano che i livelli sono inferiori nelle persone magre.

Altra ricerca suggerisce che le persone obese possono avere il recettore della grelina eccessivamente attivo, noto come GHS-R, che porta ad una maggiore assunzione di calorie.

Nel giro di un giorno che si inizia una dieta, i livelli di grelina inizieranno a salire. Questo cambiamento continua nel corso di settimane. Uno studio sull’uomo ha riscontrato un aumento del 24% dei livelli di grelina dopo una dieta ipocalorica di 6 mesi.

In un altro studio, in quelli che seguivano una dieta per la perdita di peso da 3 mesi, i ricercatori hanno trovato i livelli quasi raddoppiati da 770 a 1.322 pmol/litro.

Durante una dieta di bodybuilding di 6 mesi, la grelina è aumentata del 40%, dunque più a lungo si è a dieta, più i livelli aumenteranno. Inoltre, sembra essere un ormone che non può essere controllato con farmaci, diete o integratori. Tuttavia, ci sono alcune cose che si possono fare per aiutare a mantenere sani i livelli.

Occorre infatti mangiare proteine, mantenere il peso evitando gli estremi, aumentare la massa muscolare, dormire bene e controllare l’apporto calorico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *